mercoledì 16 ottobre 2013

PAOLO MORELLI,l'incantatore di canzoni.

Le parole,la musica,gli arrangiamenti volano su onde emozionali che sono percepite da ogni ascoltatore.Paolo Morelli,cantante,autore,identificato come voce e piano leader degli Alunni del Sole,rappresenta la punta di diamente dal cantautorato prestato al pop melodico.Il suo mondo interiore e le sue parole hanno sottolineato con tenerezza,sottile poesia e dolce malinconia,la melodia italiana coinvolgendo il mondo di giovani che negli anni settanta vivevano la dimensione intimistica, lontano dai sussulti del post '68 e dai sommovimenti studenteschi e sociali che interessavano l'Italia in quel periodo storico. Nato a Napoli ,vive la sua adolescenza in una famiglia dove si respira musica,con il Padre Ardelio -di origine toscana - che suona il violino e la madre diplomata in canto e pianoforte ed appassionata d'Opera. In questa dimensione privata Paolo Morelli,studia pianoforte,accantonando la sua grande passione per la pittura, ha l'imprinting per il mondo dell'arte.Appassionato di pittura ,di letteratura e di musica,insieme al fratello Bruno, che lo seguirà sempre come guida affettuosa,intraprende il cammino musicale. La storia si snoda sul finire degli anni sessanta, tra panorami naturali e sonori che includono Capri ed Ischia e che si sviluppa dalle canzoni ascoltate e rubate all'esterno dello "Shaker", un night di Napoli.La prima scrittura musicale lo porta a suonare ad Ischia ed insieme al fratello Bruno fonda il complesso denominato "I Maronti" ,come la spiaggia di Sant'Angelo.Tra la terra e il mare la lunga storia musicale e poetica di Paolo Morelli,sorvola il tempo ed i luoghi.Per realizzare il sogno artistico Paolo Morelli si trasferisce insieme al fratello a Roma e nel 1968 nascono "Gli Alunni del Sole",con il nome del gruppo ispirato dal libro di Giuseppe Marotta.La storia della band ha diverse vicissitudini iniziali,con i primi successi che nascono dalla trasmissione televisiva "Speciale per Voi" di Renzo Arbore,con gli Alunni del Sole che sono l'house band ed oltre ad esibirsi con canzoni proprie, accompagnano musicalmente gli ospiti del programma. Paolo suona il pianoforte e l'organo Hammond e spesso si esibisce in brani Rythm'n Blues .La prima formazione del gruppo è composta da Paolo Morelli,al piano e voce,Bruno Morelli chitarra,Giampaolo Borra basso,Antonio Rapicavoli sax e flauto,Giulio Leofrigio batteria. Dopo la pubblicazione del primo singolo "L'Aquilone" Rapicavoli lascia il gruppo .La storia di Paolo Morelli è legata agli Alunni del Sole,quasi come estensione dell'anima e scudo protettivo per la sua naturale timidezza .Le sue canzoni nascono da intuizioni,sono lo specchio dei sogni e del mondo immaginario che si traduce in musica. Il suo background culturale risente della preparazione classica,dell'amore per la letteratura ,per scrittori come James Joyce che rappresentano la nuova frontiera dell'introspezione nel dialogo interiore,ma anche per Proust e per gli impressionisti francesi Apollineare e Zola.Può sembrare strano,nei primi anni settanta,quando nel pop melodico italiano spopolavano gruppi che componevano canzoni con testi dalla facile rima "cuore-amore",come un'artista sensibile come Paolo Morelli si riappropri di immagini come il "fanciullo" di Pascoli e del simbolismo di libertà nel primo singolo "L'Aquilone".Quasi come il primo passo che poi si trasforma in successo discografico con "Concerto" l'anno successivo.Si inizia ad intravedere il suo modo compositivo che che si sviluppa su dimensioni armoniche in cui le pause e l'estensione orchestrale e le ripartenze,sembrano essere come una barca che si solleva tra le onde.Nel primo concept album ,datato 1972, "Dove era Lei a quell'ora" Paolo Morelli,realizza sotto forma canzone ,un racconto diviso in diversi brani.La sua proposizone musicale guarda anche alla Terra d'Albione ,tra il rock sinfonico e la melodia napoletana,in un intreccio tra note e parole dove il tema dell'amore infranto,della conclusione tragica,dell'iconografia degli uomini del sud,sembrano anticipare i tempi di passioni che travalicano negli atti estremi.I temi intimistici sono supportati dal pianoforte e si intravedono i testi in cui il simbolismo diviene canzone ''Collane di conchiglie,anelli di zingara ed il passo dei tuoi piedi sull'acqua bagnata .." (Collane di conchiglie) ''Testo in corsivo'' "Luna in una notte senza poesia,stelle di vetro sul pavimento...."(Ombre di Luci ). Il maggiore successo discografico per Paolo Morelli e gli Alunni del Sole arriva sotto la scuderia discografica "Produttori Associati" ,a Milano Paolo vive la sua migliore dimensione artistica,creata in simbiosi con la geografia musicale degli studi di registrazione in cui si alternava anche Fabrizio De Andrè ,con cui  collaborò con suggerimenti su spunti musicali nell'album " Non al denaro,non all'amore,nè al cielo".Gli arrangiamenti di Giancarlo Reverberi, musicista che proveniva dall'esperienza con le Orme,avendo suonando con la band veneziana anche nell' album "Contappunti", vestono le musiche di Paolo in modo perfetto senza snaturarne la forma cantautorale.Gli Alunni del Sole ,con Paolo Morelli,si differenziano dagli altri complessi musicali negli anni settanta.Le sue canzoni ed i testi non sono mai banali,risentono dell'influenza musicale classica,sprazzi di contaminazioni english timbrate King Cremona, ascoltate "Epytaph" per comprendere ,Elton Johnn e sonorità classiche strumentali.Lavori discografici quali "Jenny e la bambola" del 1974 e "Le maschere infuocate" del 1976,sono la conseguenza della vena compositiva migliore di Paolo.Il concept "Jenny e la bambola" nasce dalla visione di una ragazza ,incontrata alla stazione di Milano, con la valigia ed una lunga bambola di cartone tenuta sopra un braccio .La nebbia milanese lo ispira in un  racconto in cui la protagonista vive una storia d'amore inespressa,con una maternità negata,divisa tra sogni infranti ed occasioni perdute. '"..e non mi resi conto neanche dove stavamo andando ,solo dopo un pò mi accorsi che la trovavo bella e quando per la via del mercato un venditore le gridò che era bella ,pensai sconfitto che io per primo glielo avrei voluto dire." (Un manichino in vetrina ).L'intero lavoro discografico è un alternarsi tra soluzioni orchestrali,come il brano strumentale "Quelle sere in riva al mare un'orchestrina suonava da lontano " e la lunga suite "Jenny" .La televisione riporta le immagini di Paolo Morelli in bianco e nero a CANZONISSIMA,seduto al pianoforte,con il suo sguardo timido ed il volto lunare,da bravo ragazzo,così lontano dall'iconografia di altri gruppi musicali di quegli anni. Le mani che scivolano sui tasti bianco e neri del pianoforte e la sua voce che intona perle del pop melodico. Nel 1977 Paolo Morelli scrive "A canzuncella" che rappresenta una linea di passaggio per la nuova canzone d'autore napoletana,come fu l'album "Midnight Love" di Marvin Gaye nel passaggio al NuSoul. L'animo partenopeo di Paolo si esalta nella semplicità degli accordi,nell'incessante e ripetuto inciso e nel testo che non parla d'amore in senso struggente o melodrammatico,ma in modo scanzonato e quasi ironico "..Che me mparato a fà si doppo tantu tiempo ti si scurdata e me.....che t'aggiu ditto a ffà rivammo n'ata vota un'ora pò bastà pe te sientì parlà .....ti si spugliata ccà,ti si spugliata ccà si bella e nun o saccoi come faccio e tè guardà..te voglio bene ancora e se dice pò pe dì e intanto t'accuntento co chista canzuncella... " Questa canzone sarà l'apripista ad artisti quali Pino Daniele o Enzo Gragnaniello ,che da quel momento in poi, proprio in lingua napoletana, incisero dischi di successo. Canzoni come "Concerto ","E mi manchi tanto","Un'altra Poesia","Jenny","Guardi me,guardi lui","Tarantè", "I tuoi silenzi","A canzuncella","Liù" sono successi discografici che si tramutano anche in premi speciali,come la vittoria al Festivalbar nel 1978. Dopo il grande successo di "Liù" cambia la line up degli Alunni del Sole ,con l'uscita di Giampaolo Borra e Giulio Leofrigio e l'ingresso di Ruggero Stefani (ex drummer del gruppo Prog L'uovo di colombo) alla batteria e Gianfranco Coletta (ex Chetro e Co. e Banco del Mutuo Soccorso al basso ),in seguito si aggiungeranno Enrico Olivieri (Metamorfosi) alle tastiere e Alessandro Saba al basso .Dal 1978 in poi la vena musicale di Paolo si diversifica e risente dei cambi delle sonorità con l'uso di tastiere e pianoforte elettrico .Per la musica italiana ,per il pop melodico ,Paolo Morelli rappresenta un cantautore che è attorniato da valenti musicisti,un Sole che irradia i suoi raggi ,ma risente del suo mondo artistico interiore che rifugge dalle luci della ribalta ed ama circondarsi di sogni,immergendosi nel mondo dei simboli e della fantasia.Lo showbiz è incessante,dopo tanti anni pesa il cambio di ambiente discografico,svanisce il mondo Produttori Associati ,dove si viveva la musica nella dimensione più da club che da grande major,si passa dalla dischi Ricordi alla RCA e cambiano i modi e i tempi di lavorazione degli album.Paolo Morelli concepisce la musica e la composizione come momento di ispirazione privata con un suo metodo.Si siede al pianoforte e compone, parole e musica sono conseguenziali ed il resto del gruppo si accoda con la sezione ritmica che disegna contrappunti musicali.Tutto questo alla RCA finisce,le sale di registrazione della major hanno turni devastanti,gli Alunni del Sole iniziano a suonare dalle 23.00 in poi ,registrando prima i suoni e poi la voce e Paolo ,artista abituato a ritmi e metodologie di lavoro differenti, risente di questo nuovo modo di lavorare.L'album "Carezze",inciso nel 1981, proprio per la RCA.è forse il lavoro più impersonale e meno bello degli Alunni del Sole,con arrangiamenti stucchevoli di coretti ed archi di Del Newman ,che è l'ombra infinitesima del grande arrangiatore Gianfranco Reverberi che ha saputo sempre esaltare la musica ed i testi di Paolo .Gli anni ottanta passano attraverso lavori discografici come "Quando si è soli come me", lontani dal successo commerciale ,fino ad arrivare ad inizio anni novanta con l'album "Di canzone in canzone " datato 1992,in cui per la prima volta in copertina esce la dicitura "Paolo Morelli Alunni del Sole ",con una sua bella immagine in primo piano in copertina.Il mondo musicale si ferma per circa cinque anni,la dimensione privata ed artistica intrisa di pittura sembra prendere il sopravvento nella vita di Paolo Morelli,il fermo discografico non annulla la vena creativa che si esternerà anni dopo.Il suo mondo si compone di tinte pastello scure,in grandi quadri che popolano la sua mente,l'inseguimento dei sogni,il mondo fatto di stanze colorate e di figure femminili è come un tappeto su cui adagiare la vita ,quasi come un quadro appesso alle pareti. La vena creativa ripropone un Paolo Morelli maturo,che acuisce il senso intimistico ,variando lo stato d'animo da sentimentale a chansonnier ,sembra riappropriarsi del tema canzone che trasuda sofferenza "E io sentimenti ancora non ne ho ,perdutamente resterò a sognare,io sul tuo vestito riderò e piangerò soltanto quando vuole Dio ....Vagabondo o musicista la mia vita d'artista l'amore che non finirà ......" (Io canto) Il lavoro discografico "E risalire il tempo " ,datato 2005, rilancia un Paolo Morelli motivato,che scrive una bella pagina di introduzione del doppio cd con otto canzoni inedite ed i grandi successi riarrangiati.La sua ultima opera musicale "Il sogno che svanisce " segna il tempo dei quarantacinque anni di attività artistica con la novità di una canzone in napoletano ,intitolata "Na canzone" scritta per Patti Pravo . Dal 1968 al 2013 ,diversi decenni hanno caratterizzato la vita di tante persone ,perse tra le sottili illusioni e gli amori nati,inseguiti,svaniti,alle immagini in slow -motion,travolte dai diari di scuola o da dischi in vinile,da monete inserite nei juke boxes e cabine telefoniche a gettoni. "Nel cuore è un mondo di sogni malandrini.." ed un sogno malandrino in una sera d'ottobre ferma il tempo..Il sogno che svanisce...Paolo Morelli,sale verso il cielo,tra vestiti senza portafortuna e immagini di carta,tra anelli di zingara e stelle di vetro sul pavimento.Si chiude il sipario terreno su una lunga porzione di canzoni,ritornelli inventati,si spegne il sole degli Alunni .La musica italiana perde un protagonista dalla grande sensibilità e tenerezza,lontano dai ritmi della società multimediale,lontano dall'accecante luce della ribalta,ma sempre vivo perchè l'arte è immortale anche per un incantatore di canzoni come Paolo Morelli. "E risalire il tempo mi è sembrato l'unico modo ,per un cantautore in età "matura",quale io sono,per continuare a fare il mio mestiere di incantatore di canzoni.Come continuare a cantare l'amore se non cercando di ricomporre su di un'unica tela i frammenti della memoria per averne una veduta totale ed un quadro continuo ?Ma in effetti cos'è che agisce da collante nella concatenazione di queste intermittenze ? Capita spesso -nei discorsi comuni-di dire "...mi sembra ieri che.." ,innescando quel criterio di riunificazione di tante tessere sparse ,che ,introducendo il passato nel presente senza alterarlo,finisce per annullare quella grande dimensione del Tempo secondo la quale si attua la vita.Anche è proprio vero che operiamo un procedimento di esclusione dei tanti giorni inutili,ripetitivi ed abitudinari che si frappongono tra i pochi o tanti momenti significativi della nostra esistenza .Continuo ad avere in me sempre più ferma l'opinione che l'arte sia l'unico mezzo non solo per risalire il proprio tempo,ma soprattutto per ridare vita a quelle esperienze a impressioni che,nel caso mio,diventano poi le mie canzoni.Proporsi un progetto ed innamorarsi pian piano della propria opera riesce a scatenare un processo evocativo di grande suggestione .E solo a patto di seguirlo mi è accaduto di vivere di nuovo ciò che avevo in parte dimenticato e di fare di nuovo ciò che avevo abbandonato." Paolo Morelli 2005 Roma (Dalle note di copertina del disco "E Risalire il tempo .." PLAYLIST ESSENZIALE 33 GIRI "Jenny e la bambola" , "Dove era lei a quell'ora" ,"Le Maschere infuocate ","E manchi tanto ","A canzuncella" 45 giri "Ombre di Luci-Carezze" ,"Pagliaccio-I mendicanti dell'amore","I tuoi silenzi-Poesia d'ottobre","Fantasia-Fiori" "Un'altra poesia-I Ritornelli infantili ", "Guardi me,guardi lui -Le Maschere infuocate" LE CANZONI NASCOSTE Come spesso accade tra i solchi dei dischi ci sono canzoni che non possono essere selezionate come singolo,perchè meno dirette al primo ascolto.Paolo Morelli ha scritto tante canzoni "nascoste" che sono da scoprire.La più bella canzone nascosta ,mai pubblicata in LP, è "Poesia d'ottore",che fu inserita quale B side nel 45 giri "I tuoi silenzi" ed in seguito riarrangiata per il CD "E risalire il tempo .." La maggiore età (Lp E mi manchi tanto) Nausicaa /La stanza colorata/Io e Te ( Lp Le Maschere infuocate) Un manichino in vetrina/Quelle sere in riva al mare un'orchestrina suonava da lontano/la bambola di cartone ( Lp Jenny e la bambola) La stanza delle illusioni,dei sogni e della realtà/Zingarella/Scusa/Cercavo proprio te (Lp A canzuncella) Nonna nonna/Maddalena/Ritrovarsi/Se hai peccato (Lp Liù) Tutto come un anno fa/Carmè/Canzone int'o suonno (Lp Tarantè) Recentemente (Lp Cantilena) L'acqua di una fontana (Lp Carezze ) Ancora Michelle/Intorno al sole/Continuando verso Napoli (Lp Quando si è soli come me) O' sole se ne jeva (Lp Di canzone in canzone) Io canto..l'amore che non finirà/Zingarella/Poesia d'ottobre/E risalire il tempo/ (Cd E risalire il tempo) La storia infinita/Ci vorrebbe un altro caffè/Ancora più di ieri/Il sogno che svanisce (Cd Il sogno che svanisce ) CANZONI IN LINGUA NAPOLETANA Napoli,con i suoi scorci,i suoi vicoli,la sua letteratura ha influenzato il mondo di Paolo Morelli,basta pensare al romanzo di Giuseppe Marotta "Gli Alunni del Sole" ,che narra di un gruppo di persone che vivono i vicoli della città partenopea ascoltando i racconti di un bidello che narra di mitologia greca in modo divertente.L'artista ha sempre pensato e suonato le canzoni in "napoletano",anche usando la lingua italiana,ma solo nel 1977 ebbe l'occasione di scrivere una canzone che poi divenne un must della canzone partenopea:"A Canzuncella" . Sono tanti i brani cantati in napoletano,tra cui "A Canzuncella" 1977 e "Tarantè" 1979 che escono come singoli sul mercato discografico. Paolo Morelli è da annoverare tra i migliori cantori in napoletano,lontano anni luce da cantanti quali Gigi D'Alessio o i neomelodici. Morelli ricalca le orme di Murolo ,con maggiore ariosità negli arrangiamenti ,segnando sempre il tempo della melodia attraverso il pianoforte.Sono tanti momenti sonori e una tra le più belle canzoni napoletane è "Scusa",che era il lato B del 45 "A canzuncella" PLAYLIST MIGLIORI CANZONI IN NAPOLETANO Scusa / A canzuncella (Lp A canzuncella) Tarantè/ Carmè/Canzone int' o suonno (Lp Tarantè) O' sole se ne jeva (Lp Di canzone in canzone ) O' tiempo d'è rose (CD L'amore che non finirà) Ce ne jamme/Fronna e Limone (CD E risalire il tempo) Na canzone (CD Il sogno che svanisce ) COLLABORAZIONI Paolo Morelli ha scritto per altri cantanti solo in tre occasioni: 1969 "Labbra d'amore" cantata da Donatella Moretti 1971 "La mano del signore " cantata da Little Tony 2013 " Na canzone " cantata da Patti Pravo Hanno suonato con Paolo Morelli e gli Alunni del Sole : Gato Barbieri sax, Agostino Marangolo batteria e percussioni,Tony Esposito percussioni,Fabio Pignatelli (Goblin,Venditti) basso,Tony Panzarelli (Venditti ) chitarra. CANZONI INTERPRETATE DA ALTRI A CANZUNCELLA : Ornella Vanoni,Enrico Ruggeri,Matia Bazaar JA DAVON STIRBT MAN NICHT (A CANZUNCELLA versione in tedesco ) Jurgen Marcus LIU' : Amalia Grè E MI MANCHI TANTO : Patti Pravo,Franco Simone,CONQUEROR, PiQuadro GIOCATTOLO (versione in spagnolo con altro titolo ) Placido Domingo RICONOSCIMENTI Una vittoria al Festivalbar nel '78 con Liù, due Telegatti Sorrisi e Canzoni TV ed altrettante vittorie a Vota la Voce (1977-1978), una Maschera d'argento (1979), diversi premi della critica ed il prestigioso Premio Carosone conferito a Napoli nel mese di dicembre 2010. CASE DISCOGRAFICHE La storia musicale di Paolo Morelli e degli Alunni del sole ha una scritta bianca su fondo bianco: PRODUTTORI ASSOCIATI,la casa discografica del gruppo Ricordi. che ha segnato i tempi di maggiore successo e qualità musicale del cantautore napoletano.L'esordio ha il sigillo della PARADE di Micocci,deus ex machina della successiva scuola cantautorale romana e fondatore della IT,passando attraverso la LIBERTY ,per poi trasferirsi da Roma a Milano con il contratto per la ProduttoriAssociati di Casetta. Nel 1978 ,l'album "Liù" esce per la Dischi Ricordi e nel 1981 per la RCA viene inciso l'album "Carezze" . Finisce l'epoca delle major e la crisi di vendite del mercato discografica sposta la produzione per la Venus con l'incisione dell'ultimo album in vinile ,per la DV More ,per la Nar international ed infine per la SELF. ARRANGIATORI E PRODUTTORI Arrangiatori: Giorgio Gaslini ,versione inedita di "Dove era lei a quell'ora" Gianni Mazza, "Dove era lei a quell'ora " Giampiero Reverberi Ruggero Cini Fabio Pignatelli Produttori : Piero Colasanti,Roberto Danè. DISCOGRAFIA 33 giri 1972: Dove era lei a quell'ora (Produttori Associati PA/LP 38) 1973: ...E mi manchi tanto (Produttori Associati PA/LP 50) 1974: Jenny e la bambola (Produttori Associati PA/LP 53) 1975: Raccolta di successi (Produttori Associati PA/LP 55) 1976: Le maschere infuocate (Produttori Associati PA/LP 66) 1977: 'A canzuncella (Produttori Associati PA/LP 76) 1978: Liù (Dischi Ricordi SMRL 6225) 1979: Tarantè (Dischi Ricordi SMRL 6248) 1980: Cantilena (Dischi Ricordi SMRL 6263) 1981: Carezze (RCA Italiana PL 31594) 1982: Quando si è soli come me (RCA Italiana PL 31658) 1992: Di canzone in canzone (Venus 509 003-1) CD 1996: Il meglio (DV More CDDV 5949) 1996: L'amore che non finirà (DV More CDDV 5950) 2005: ...E risalire il tempo (NAR International, NAR 10705 2) 2013: La storia... il sogno (SELF) 45 Giri 1968: L'aquilone/Con l'aiuto degli dei (Ulisse) (Parade PRC 5054) 1969: Concerto/Le 4-Le 5-Le 6-Le 7 (Parade PRC 5072) 1970: Fantasia/Fiori (Liberty Records LIB 9063) 1971: Ritorna fortuna/Ombre di luci (Produttori Associati PA/NP 3184) 1971: Isa...Isabella/Collane di conchiglie (Produttori Associati PA/NP 3185) 1971: Ombre di luci/Carezze (Produttori Associati PA/NP 3194) 1971: Un ricordo/Cosa voglio (Produttori Associati PA/NP 3195) 1972: Fantasia/Fiori (Produttori Associati PA/NP 3209) 1973: ...e mi manchi tanto/I ritornelli inventati (Produttori Associati PA/NP 3220) 1973: Concerto/L'aquilone (Erre, RR 3063; versioni del catalogo Parade) 1974: Un'altra poesia/I ritornelli infantili (Produttori Associati PA/NP 3225) 1974: Concerto/Fantasia (Produttori Associati PA/NP 3227) 1974: Jenny/Canzoni d'amore (Produttori Associati PA/NP 3231) 1974: I tuoi silenzi/Poesia d'ottobre (Produttori Associati PA/NP 3237) 1975: Pagliaccio/I mendicanti dell'amore (Produttori Associati PA/NP 3246) 1976: Guardi me, guardi lui/Le maschere infuocate (Produttori Associati PA/NP 3256) 1977: 'A canzuncella/Scusa (Produttori Associati PA/NP 3266) 1978: Liù/Se hai peccato (Dischi Ricordi, SRL 10870) 1979: Taranté/Giocattolo (Dischi Ricordi, SRL 10898) 1980: Cantilena/Non è vero (Dischi Ricordi, SRL 10920) 1981: Carezze/Il giorno che verrà (RCA Italiana PB 6531) Discografia fuori dall'Italia 33 giri 1978: Liù (Dischi Ricordi/Metronome 0065011; pubblicato in Germania) 1978: Liù (Dischi Ricordi, RL 10007; pubblicato in Argentina) 45 giri 1978: Liù/Se hai peccato (Dischi Ricordi, 1779; Liù è cantata in spagnolo; disco pubblicato in Spagna

3 commenti:

  1. GLI ALUNNI DEL SOLE SONO E SARANNO PER SEMPRE PAOLO E BRUNO MORELLI,GIAMPAOLO BORRA E GIULIO LEOFRIGIO,IL DOPO 78 NON CONTA NULLA O QUASI NELLA LORO STORIA MUSICALE,ORA E' TUTTO FINITO........ADDIO ALUNNI DEL SOLE.....ADDIO PAOLO.....

    RispondiElimina
  2. Gli Alunni del Sole sono l'estensione di Paolo Morelli.Dopo il 1978 è cambiata la formazione con l'inserimento di validi musicisti provenienti dalla storia del Prog,come Ruggero Stefani alla batteria (ex Uovo di Colombo) e Gianfranco Coletta al basso e chitarra (ex Chetro & co) ed in seguito Enrico Olivieri alle tastiere (ex ed attuale fondatore dei Metamorfosi).Paolo Morelli anche dopo il 1978 ha scritto bellissime canzoni .Nella memoria di ognuno di noi ,il periodo degli anni settanta è legato a ricordi indelebili e la vena ispirativa di quel periodo era irripetibile.

    RispondiElimina
  3. La cosa piu' importante e' che Paolo Morelli canta in Vera lingua Napoletana !
    Le sue Canzoni inserite nel libro d'oro della canzone Napoletana.

    RispondiElimina